Un mondo di fiabe

sconosciuto4

Un setting durato 5 giorni durante i quali i bambini della ludoteca “arcobalocco” hanno partecipato alla settimana magica delle fiabe.
La proposta di utilizzare l’intera settimana per costruire la loro fiaba personale è stata accolta con entusiasmo. Da qui è iniziata la nostra avventura, in un tempo quasi sospeso; ognuno ha costruito la propria fiaba con magici protagonisti o storie vicine alle loro vicende.

sconosciuto

Il linguaggio della fiaba gli ha dato la possibilità di esprimersi liberamente raccontando e raccontandosi con la libertà che solo i pirati e le principesse posseggono. Tutto, dalla costruzione delle vicende all’individuazione di un antagonista, fino a riuscire a sconfiggere le paure e il male con la forza dell’immaginazione, è stato un gioco che li ha coinvolti e tenuti incollati alla loro storia per due ore giornaliere. Nel gruppo c’è stata una continua interazione tra le storie dei singoli partecipanti e il setting è diventato così, un luogo pieno di energia e di stimoli.
La tecnica della fiabazione si è rivelato un potente strumento che ha permesso ai bambini di comunicare il loro vissuto e il loro voler essere con spontaneità e fantasia.

sconosciuto1

Nel gruppo erano presenti alcuni bambini dislessici che non hanno avuto alcuna difficoltà nell’utilizzare immagini e raccontare la loro storia in modo originale. Si sono sperimentati scegliendo liberamente fogli e colori. Un setting libero ed accogliente ha disciplinato e portato a buon fine l’attività.

sconosciuto3

(Visitato 75 volte, 1 visite oggi)
Iolanda Raimondi

Autore: Iolanda Raimondi

“Ci sono strade che percorriamo con leggerezza e passo deciso anche senza conoscere la meta”.Per molti anni ho lavorato in luoghi, dove ho potuto dare forma attraverso l’arte al disagio e alla disabilità, sono una ceramista ho utilizzato le mie conoscenze,per realizzare dei laboratori per ragazzi disabili, in questi anni ho sperimentato come l’arte può modificare il loro vissuto e contribuire a migliorare la loro condizione emotiva, iniziare un percorso di formazione come arteterapeuta ha dato un senso al mio lavoro e una nuova forma alle mie attività. Spero di riuscire a comunicare e condividere le esperienze che giornalmente vivo con loro e tutto quello che la formazione mi sta offrendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *