PROTEGGERE E CURARE LA NOSTRA BOLLA PERSONALE

image

proteggere e curare la nostra bolla personale

Immaginiamo di essere protetti da una bolla, la nostra bolla personale, il luogo dove nessuno può raggiungerti, almeno che tu non lo voglia…
Questa bolla è magica, ti protegge e ti coccola, ti separa dal mondo esterno, ma ti permette anche di guardare attraverso. Scruti fuori e osservi, pensando di essere sempre al sicuro da tutto e tutti…ma le bolle sono fragili, delicate, e si rompono…
Sta a noi cercare di mediare il dentro e il fuori, aprire o chiudere il nostro mondo interiore, cercare l’incontro con l’altro, relazionarsi…
Sta a noi proteggere il nostro mondo interiore, senza rimanerne intrappolati…
Viviamo in un mondo dove è quasi d’obbligo relazionarci, e certe volte facciamo entrare alcune persone nella nostra bolla solo per compiacere, rischiando così di venirne calpestati e scossi. Quando impareremo ad aver un buon rapporto con noi stessi e la nostra bolla, allora saremmo ben lieti di invitare le persone e unirsi nella bolla, pur mantenendo la propria individuabilitá. Potrà essere così uno sano scambio reciproco di emozioni e sensazioni.
È importante creare e costruire dei buoni rapporti con gli altri, ma dobbiamo anche permetterci di poter stare anche solo con se stessi, nella nostra bolla, ma con la consapevolezza che la nostra bolla è una protezione, non una prigione che non ci permette di vivere appieno la nostra vita avendo paura di relazionarci e confrontarci con l’altro.
Come sempre nella vita ci vuole mediazione, sfumature… L’importante è saperle cogliere e viverle intensamente che siano esse positive o negative, poco importa….tutto é opportunità di crescita e esperienza.

coltivando la nostra bolla personale potremmo farla fiorire…e far crescere dei frutti, i frutti della nostra vita e le sue vicissitudini…

(Visitato 107 volte, 1 visite oggi)
Benedetta Carradori

Autore: Benedetta Carradori

 

Diplomata liceo artistico, stilista e modellista della calzatura, animatrice socio culturale… adoro giocare e sperimentare con le bolle di sapone e lavorare con i bambini. Cosa dire di me…. Sono una persona semplice, creativa e bambina dentro, mi stupisco per ogni cosa, mi piace sperimentare. Nei miei scritti troverete molti puntini di sospensione, perché così è la vita… Attimi di sospensione tra una realtà e l’altra, uno spazio temporale dove l’anima si raccoglie in uno spazio intimo, fecondo e creativo…
Ho tanto da imparare, ma con la mia semplicità e umiltà vorrei raccontarvi in questo blog il mio viaggio- percorso nella scuola Artedo di Verona; Il mio tirocinio, le emozioni, le sensazioni… Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *