Io Sono, io penso, io condivido

Con queste 3 parole si è concluso il laboratorio che si è tenuto nella giornata dell’ 11-12/03/2017 presso la sede di Eboli, condotto dal docente Angelo Gramaglia.

Ogni laboratorio è un’ emozione, una scoperta in più da mettere nel bagaglio della vita. Che dire?!!! Sono stati due giorni molto intensi e formativi, il docente oltre a darci delle informazioni tecniche da applicare sul massaggio sonoro, ci ha condotto in un vero e proprio viaggio a dir poco estasiante. In queste due giornate ci ha prima preparato con un riscaldamento e rilassamento psico-fisico per poi condurci nell’esperienza teorico-pratica .

Il massaggio sonoro è basato sull’efficacia di suoni primordiali che erano già in uso nell’antica “arte di guarigione” indiana, più di 5000 anni fa. In seguito, diversi studi scientifici legati alle neuroscienze hanno messo in luce quanto le vibrazioni sonore possano intervenire in maniera positiva su diversi disturbi: vari studiosi sostengono che le informazioni musicali, dal suono al ritmo e alla melodia, attivano i meccanismi propri del sistema neurovegetativo. E gli esperimenti hanno dimostrato che ascoltando determinate frequenze si raddoppia il battito del cuore e si aumenta la pressione sanguigna

Partire dalle mani, osservarle e percepire anche un micro movimento mi ha fatto riflettere molto, è stato come se le mani ti parlassero e ti conducessero loro in quel viaggio, guidandoti e rassicurandoti. Un viaggio nuovo, interessante, intenso ma anche ricco di riflessioni.

Io sino ad allora avevo difficoltà ad accettarmi fisicamente e posso dire che questo corso mi ha aiutato a superare molti timori e ad avere una percezione di me stessa più realistica.. Abbiamo iniziato con un riscaldamento e, grazie al docente, abbiamo fatto un “ viaggio” con il nostro corpo : è stato molto piacevole ed ho provato una sensazione gradevole nel mio corpo, forse perché non mi ero mai soffermata ad ascoltarmi, presa sempre dalla routine quotidiana dimentico spesso di ascoltarmi. Ed inoltre mi sono meravigliata perché ho fatto dei movimenti che non pensavo mai di fare anche se banali, mi hanno risvegliata e sostenevo di non avere la capacità di farlo. E’stata una scoperta interessante anche riscoprirmi dentro me stessa ,grazie alla guida del docente che ci ha condotto, tramite un’immaginazione guidata ad entrare proprio in ogni singolo organo a partire dal respiro. Non nascondo che all’inizio ero un po’ agitata ma piano piano sono entrata, ho viaggiato internamente, mi sono soffermata su tutti gli organi; quando il docente ci ha guidato ad immaginare il colore blu e a vederci il viso, io ho visto il colore blu ma non solo i colori, ho percepito, nonostante gli occhi chiusi, il calore anche dei respiri del gruppo che ci univano ed è stato intenso entrare e uscire da questa dimensione.

Soprattutto con l’utilizzo della voce nel gruppo si è percepito il calore, l’armonia che ci univa anche se con vocalizzi come ”Hou brr trr” è stato molto importante, ma anche molto intimo e significativo.

Un esercizio che mi ha particolarmente colpito, ma soprattutto rilassato è stato quello relativo alla percussione corporea detta anche Body Percussion. Questo esercizio consiste nel far diventare il nostro corpo, o quello di un altro, un vero e identico strumento musicale attraverso delle percussioni. In questo esercizio si lavora a coppia vi è una persona “che fa musica” e una che “la riceve” con un sottofondo musicale. Io in questo esercizio mi sono rilassata moltissimo ed è stato molto piacevole riceverlo in quanto giungo da un forte periodo di stress. E’ stato molto intenso ho percepito molto il mio corpo che spesso dimentico di ascoltare anche se il corpo lancia messaggi io li ignoro sempre, percepire la schiena è stata una sensazione bella, si è risvegliata una parte di me, come se mi dicesse: “Io ci sono, esisto” . Grazie alle vibrazioni sono stata condotta in un viaggio e in un viaggio meditativo. Questo grazie alla musicoterapia ascoltare o produrre delle singole note, permette di riscoprire la propria ‘accordatura originale’, in virtù del principio della risonanza secondo cui la vibrazione si espande dall’esterno verso l’interno diffondendosi su tutto il corpo e accordando ogni singola cellula. Anche applicarlo sui colleghi di corso è stato bello, è stato interessante soprattutto capire gli effetti che si hanno ad ogni movimento. Il sistema energetico del corpo tutti gli organi, le ossa e i tessuti hanno una propria vibrazione e una propria frequenza di risonanza.

Il massaggio sonoro è un’ esperienza che personalmente consiglierei a tutti di provarla e soprattutto a chi è in formazione poiché è una sensazione pura si vive molto nel qui ed ora ma rinnova e induce a un cambiamento tralasciando tutti i pensieri e le preoccupazioni che ogni giorno assorbiamo nella nostra vita quotidiana.

Vorrei ringraziare il docente per l’accoglienza e per la professionalità che offre in ogni laboratorio a cui ho partecipato, un grazie anche al gruppo perché da ognuno di loro ho appreso tanto . Sono contenta di questo percorso che in tre anni mi ha dato tanto, mi ha consolidato e fatto capire tante cose che magari prima ignoravo, presa da altri interessi ,ho ripreso fiducia in me stessa perché un po’ l’avevo persa.

E’ vero anche che a volte ho incontrato ostacoli, i quali mi hanno fatto riflettere e maturare, non sempre la strada è piana,   spesso ci sono anche le salite, in fondo come la vita, ma posso dire che ho quasi terminato un percorso ricco di cambiamenti. Posso concludere con queste tre parole le quali descrivono ciò che si è vissuto durante queste due giornate formative meditative : “Io sono, io penso, io condivido”.

(Visitato 104 volte, 1 visite oggi)
Assunta Aurelio

Autore: Assunta Aurelio

Sin da bambina ho desiderato aiutare il prossimo per uno spirito innato di altruismo che si è concretizzato nel 2011 con l’entrata nella gloriosa associazione della Croce Rossa Italiana. La scelta di compiere volontariato all’interno della C.R.I. deriva anche da motivazioni familiari, grazie all’esempio dato da mio padre che da oltre 20 anni milita come volontario in questa associazione. Anche la mia formazione scolastica e personale ha come indirizzo il “sociale” avendo conseguito nell’anno 2011 la maturità Socio-Psico-Pedagogica, per poi proseguire dal 2014 all’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Lecce, con specializzazione in Musicoterapia. Attualmente svolgo tirocinio in una comunità per tossicodipendenti ed ho lavorato per due anni in un asilo nido privato come educatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *